Menu

Riduzione dei gas di scarico con i motori elettrici

Meno lavoro per i reparti di sviluppo e attuazione più rapida grazie alla struttura modulare per inverter

La macchine edili sono rumorose e molto inquinanti. I centri urbani e le zone pulite a traffico limitato sono soggetti a requisiti sempre più severi in materia di emissioni acustiche e gas di scarico. Lo stesso vale per le macchine agricole, anche se il loro impatto diretto sull’ambiente non è così pronunciato. I motori diesel ancora in funzione saranno presto sostituiti da motori elettrici, che forniranno l’energia necessaria per la propulsione, la manovra e il sollevamento dei carichi grazie alla presenza di una batteria sufficientemente grande e con un livello di prestazioni assimilabile alla controparte a combustione. Nei cantieri, accanto alle attrezzature fisse come le gru edili azionate a corrente, sarà assicurata anche l’alimentazione di sistemi temporanei, tra cui escavatori elettrici e betoniere. La ragione è semplice: ogni apparecchio impiegato dovrà essere in grado di funzionare per un intero turno di lavoro di otto ore, essere silenzioso e non produrre emissioni. 

Power levels should reach those of diesel equivalents, with the energy coming from sufficiently large batteries. Construction sites set up for this will house a power supply for temporary systems like electric diggers and mixers, alongside fixed equipment like electrically operated building cranes. The reason is obvious. Every piece of equipment should be able to work for the whole eighthour workday without generating noise or emissions.

Sulla scia dei programmi di eliminazione graduale delle emissioni della tecnologia automobilistica, che hanno dato un forte impulso allo sviluppo di azionamenti elettrici e sistemi di ricarica, l’impiego esclusivo o integrativo dei motori elettrici sta acquisendo un peso crescente nelle applicazioni industriali. I grandi team al lavoro nei centri di sviluppo delle aziende automobilistiche non hanno difficoltà a gestire tali progetti, che per le piccole e medie imprese presentano invece sfide enormi. Il ricorso al prodotto standard permetterebbe di giungere più in fretta a una soluzione, comportando però indirettamente la cessione di una parte del controllo.

Foto2: Piattaforma inverter modulare raffreddata a liquido (segue immagine originale)

Angst+Pfister, al fianco di Mankel Engineering, ha ideato un nuovo tipo di inverter basato su componenti passivi sottomodulari per le piccole e medie imprese. MOD.INV supporta le buone idee e permette ai clienti di mantenere sia la necessaria flessibilità sia il controllo sui propri progetti di sviluppo come «core competence».

Per risparmiare tempo e denaro. Da un lato, un sistema modulare realizzato con componenti dell’elettronica di potenza pressoché standard come moduli a semiconduttore scalabili prodotti da aziende leader del mercato. Dall’altro, le soluzioni al suo interno e il grado di integrazione verticale definibile secondo le esigenze. La nuova piattaforma, già testata con successo con i motori elettrici di produttori automobilistici tedeschi, ben si adatta anche a supporto di progetti di dimensioni contenute, altrimenti non convenienti per il numero ridotto di pezzi.

Lo sviluppo di un inverter molto compatto per potenze da 75 kW a 150 kW per i 500 volt richiesti a livello industriale diventa fattibile in tempi più rapidi. Con il ricorso alla più recente tecnologia IC, l’innovativa scheda driver permette il controllo sia di IGBT in silicio sia dei nuovi prodotti wide-band-gap come il carburo di silicio (SiC FET). Oltre all’hardware elettronico, l’offerta include un software GUI (Graphical User Interface) adattato, ad esempio come interfaccia per l’uso e la parametrizzazione. 

Non esitate a contattarci per ulteriori informazioni su questo ambiente di sviluppo di inverter modulari.

«La nuova piattaforma, già testata con successo con i motori elettrici di produttori automobilistici tedeschi, ben si adatta anche a supporto di progetti di dimensioni contenute, altrimenti non convenienti per il numero ridotto di pezz»

Harald Thomas, Product Manager, Angst+Pfister Sensors and Power

 

Maggiori informazioni sulla nostra Motori elettrici con meno gas di scarico

Per saperne di più

 



published: 13 mar 2022, 16:26:00  by: Angst+Pfister Magazin2022